Torna all'elenco >

Trattamento acque oleose, miscele e percolati

Percolati ed emulsioni oleose: cosa sono?

I percolati delle discariche (liquidi che si originano dall’infiltrazione di acqua nelle masse di rifiuti o dalla loro decomposizione) hanno un’alta concentrazione in azoto ammoniacale e una scarsa presenza di carbonio disponibile nonostante l’elevato COD (Domanda chimica di ossigeno – Chemical Oxygen Demand); in questa situazione il rapporto C/N (carbonio/azoto) è oltremisura inferiore ai valori per consentire una elaborazione batterica diversa dalla lunga e costosa nitrificazione.

Le emulsioni oleose hanno un’elevata concentrazione in carbonio ed una scarsissima presenza di azoto; la complessità delle molecole e il rapporto C/N troppo elevato per consentire ai batteri normalmente presenti nei depuratori biologici di trasformare la frazione oleosa e gli emulsionanti in sostanze innocue per l’ambiente.

I due fluidi singolarmente considerati presentano notevoli problemi per la loro depurazione, mentre se vengono mescolati secondo precisi rapporti possono essere trattati in un depuratore biologico per acque reflue usando congiuntamente BIOSINERZIM e BIOZIMOIL. La presenza contemporanea del materiale enzimatico-batterico apportato con i due prodotti consente la demolizione delle molecole oleose e l’utilizzazione dell’azoto ammoniacale che vengono così utilizzati come nutrimento e quindi trasformati in fango biologico.

Trattamento acque oleose: come intervenire

In una vasca di pre-trattamento biologico si versano le emulsioni e i percolati secondo proporzioni da stabilire in base ai contenuti forniti dalle analisi.

Trattamento acque oleose, miscele e percolati

Dovendo trattare emulsioni all’1-2% non è necessario alcun pretrattamento per ridurre la presenza di olio.

Nel caso le emulsioni abbiano un contenuto in sostanze oleose superiore al 2%, è opportuno sottoporle ad un trattamento preliminare, sia per evitare che i tempi di depurazione diventino troppo lunghi sia come recupero energetico.

Dopo 18-24 ore di trattamento biossidativo si fa sedimentare il fango e si versa il surnatante a monte di un qualsiasi depuratore biologico per eliminare eventuali residui.


Richiedi subito una consulenza!


Trattamento acque oleose, miscele e percolati: attenzione ai dosaggi

I dosaggi consigliati per il trattamento dei percolati e delle emulsioni oleose presenti nelle acque sono diversi a seconda della fase di trattamento e a seconda del volume di carico immesso giornalmente.

Di seguito potete trovare alcuni parametri che indicano le quantità richieste nei vari casi.

Ovviamente risulta necessario, prima di qualsiasi intervento, un adeguato studio preliminare con prove di laboratorio per individuare le migliori modalità e le giuste dosi di prodotto da utilizzare.

>> Guarda i dosaggi consigliati sul prodotto Biosinerzim e Biozimoil

Il dosaggio per l’avviamento della vasca di pretrattamento ossidativo viene calcolato per mg di COD sul volume della vasca di ossidazione:

  • a partire da 0,20 gr/m3 di BIOSINERZIM e 0,30 gr/ m3 di BIOZIMOIL.

Il dosaggio per l’avviamento della vasca di ossidazione biologica calcolato per mg di COD sul volume della vasca di ossidazione:

  • a partire da 0,10 gr/m3 di BIOSINERZIM e 0,15 gr/ m3 di BIOZIMOIL.

Il dosaggio per il mantenimento della vasca di pretrattamento ossidativo calcolato per mg di COD sul volume del carico immesso giornalmente:

  • a partire da 0,01 gr/m3 di BIOSINERZIM e 0,03 gr/ m3 di BIOZIMOIL.

Il dosaggio per il mantenimento della vasca di pretrattamento ossidativo calcolato per mg di COD sul volume del carico immesso giornalmente:

  • a partire da 0,005 gr/m3 di BIOSINERZIM e 0,015 gr/ m3 di BIOZIMOIL.

Richiedi subito una consulenza!